• Colazioni, Food, Racconti Food, Ricette

    Banana Bread: ne volete una fetta?

    Volete scoprire con un solo morso la storia del Banana Bread e come prepararlo?
    Siete nel posto giusto.

    È tra i dolci più diffusi al mondo, famoso per la sua versatilità. Lo mangi a colazione o lo mangi a merenda (chissà se qualcuno abbia deciso di provarlo anche a pranzo e a cena!). Io personalmente, amo prepararlo nei fine settimana invernali dopo una lunga settimana passata sui progetti. La cucina si riempie di profumi da far venire l’acquolina in bocca e molto spesso non arriva al giorno dopo.

    Banana Bread con mandorle, cannella e zucchero di canna

    La storia del Banana Bread

    Le origini del Banana Bread si trovano oltre oceano, in America.
    Nasce nel XIX con l’arrivo delle banane nell’America del Nord. Durante la Grande Depressione del ‘29, le famiglie non buttavano via nulla neanche una banana molto matura.
    Il famoso “Pane alle banane e noci” assomigliava ad una pagnotta un po’ tozza e ruvida per via della crusca che era economica.
    Addirittura, negli anni ‘40 si arrivò ad usare un uovo e del latte in polvere a motivo della povertà.
    Negli anni ‘50 durante un periodo di crescita economico per gli Stati Uniti, tutto divenne più bello e più grande: mega stampi per le torte, famiglie numerose, pranzi da chef.
    I banana bread diventarono più grandi e contenevano più noci per essere molto nutrienti.
    Durante le proteste per la guerra del Vietnam, i figli dei fiori compravano il Banana Bread presso il Moosewood Restaurant dove veniva arricchito con l’arancia, vaniglia, mandorle, noce moscata e caffè ed era più scuro per via dello zucchero di canna!
    Negli anni ‘80 e ‘90 il ricettario “The Silver Palate Cookbook” propose il Banana Bread utilizzando farina di grano integrale e tanto tanto burro. Divenne usuale l’aggiunta di noce moscata o di cannella.
    Dagli anni 2000 in poi è sempre più sentito il tema della salute. Nasce la famosa parola “gluten free” e si pone l’accento sull’healthy food!
    Cambiano le dosi del Banana Bread, si fa attenzione alle calorie e crescono le dosi di banane, mandorle, zucchero di canna e miele per migliorare l’umidità e il sapore del Banana Bread.


    Ci sarebbe da dire molto altro, ma nel frattempo mi è venuta fame 😀 .
    Ho voluto quindi preparare una versione che prendesse spunto dalle varie epoche: dallo zucchero di canna alla cannella, dalle mandorle alle gocce di cioccolato.

    La ricetta

    Banana Bread ingredienti
    Gli ingredienti

    Banana Bread

    Piatto Colazione, Dessert
    Cucina Americana
    Keyword Banana Bread
    Preparazione 20 minuti
    Cottura 1 ora

    Ingredienti

    • 3 banane mature
    • 120 gr burro
    • 120 gr zucchero di canna
    • 200 gr farina 00
    • 2 uova
    • 6 gr lievito
    • 3 gr bicarbonato
    • gocce di limone q.b
    • cannella in polvere q.b
    • 20 gr mandorle
    • 20 gr gocce di cioccolato

    Procedimento

    1. Preriscaldate il forno a 200° (valutate temperature e tempi di cottura in base alla marca e al modello del vostro forno)

    Preparazione degli ingredienti

    1. Schiacciate 2 banane mature. La terza, tagliatela a metà nel senso della lunghezza.

    2. Tritate finemente le mandorle

    3. In un pentolino fate sciogliere il burro

    Preparazione del Banana Bread

    1. Con una frusta mescolate il composto. Aggiungete due uova intere, poi qualche goccia di limone ed infine le mandorle tritate e le gocce di cioccolato.

    2. Nel frattempo unite gli ingredienti secchi: farina, lievito, bicarbonato. Setacciateli e aggiungeteli al composto mentre continuate a mescolare con la frusta.

    3. Imburrate ed incartate uno stampo per Plumcake. Versate il composto e aggiungete i due pezzi di banana, precedentemente tagliati, come guarnizione

    4. Infornate per 60' indicativamente. Per capire quando il vostro Banana Bread sarà pronto fate la prova dello stecchino di legno: Infilatelo nel composto e poi estraetelo. Se lo stecchino risulta asciutto, il vostro Banana Bread sarà pronto per essere cacciato dal forno.

    Se lo hai provato e ti è piaciuto fammelo sapere nei commenti.
    Se le condividerai non dimenticare di menzionarmi ed usare l’hashtag #lacasadelcappellaio
    Mi trovi come https://www.instagram.com/lacasadelcappellaio